Un nuovo anno, un nuovo passo: laboratorio di Danzaterapia, metodo Maria Fux

Un nuovo anno, un nuovo passo: laboratorio di Danzaterapia, metodo Maria Fux

Danza terapiaDall’incontro di musica e movimento nasce la danza come espressione e scoperta di sè.

Il metodo Maria Fux propone la danza come cambiamento verso il benessere e per questo può essere definita “terapeutica”: l’ascolto attivo della musica, l’uso di immagini e oggetti portano ad esplorare la propria creatività ed emotività per raggiungere una piena crescita personale.

Laura Sponziello ci guiderà in un percorso di avvicinamento e conoscenza della danzaterapia.

Gli incontri sono aperti a tutti e non richiedono alcuna esperienza, requisito fisico o nozione particolare per la danza, si consiglia abbigliamento comodo, si danza senza scarpe, a piedi nudi o con calze antiscivolo. Dettagli sul corso>>

PER APPROFONDIRE:

COS’E’ LA DANZATERAPIA – metodo Maria Fux

La Danzaterapia metodo “Maria Fux” è stata ideata, ampiamente sperimentata e diffusa in vari paesi del mondo dalla danzatrice e coreografa argentina di cui porta il nome.

A partire dalla propria esperienza artistica e dalla consapevolezza dell’enorme potere espressivo e comunicativo insito nella natura della danza, Maria Fux, che oggi ha 88 anni, ha elaborato una particolare metodologia che consente di incontrare e fare incontrare persone di qualunque età e in qualunque condizione psico-fisica attraverso la forma artistica della danza.

Per Maria Fux la danza rappresenta “la possibilità”, il “si può”, proprio dove sembra che ci siano impossibilità o limiti gravi che precludono o riducono la capacità di esprimersi e relazionarsi. Perché tutto questo possa realizzarsi è previsto che la metodologia si attui perlopiù in situazioni di gruppo, in modo tale che la presenza degli altri consenta effettivamente di sperimentare la danza come mezzo espressivo e comunicativo; ogni incontro di danzaterapia si articola attraverso un particolare uso della musica, l’utilizzo di oggetti e materiali, una precisa valorizzazione dello spazio e l’inserimento di questi elementi in un percorso simbolico che guida le persone attraverso immagini fortemente evocative e significative e tra loro coerenti.

Tutti questi stimoli hanno lo scopo di portare gradatamente le persone del gruppo a una presa di contatto con il proprio corpo e con lo spazio, alla scoperta e valorizzazione delle proprie innumerevoli possibilità di movimento, al graduale incontro con gli altri attraverso il movimento e alla progressiva trasformazione del movimento in danza. Piano piano la persona scopre come attraverso il corpo sia possibile esprimere creativamente i propri stati d’animo, le proprie immagini interiori, ovvero danzare, raccontarsi agli altri attraverso la bellezza di questa forma espressiva e ricevere ciò che gli altri hanno da raccontare. È così che la danzaterapia raggiunge il suo scopo fondamentale: diventare mezzo di crescita, arricchimento, cambiamento, perché partendo dalla presa di contatto con il proprio sé corporeo, emotivo e immaginativo, diventa una possibilità per entrare in relazione e comunicazione con l’altro.

Pin It on Pinterest